La malinconia è rivoluzionaria

Una calda notte di città. L’aria è completamente immobile: lungo le rive del grande fiume, si vive sperando in una brezza serale che rinfreschi la pelle e le idee. La gente ascolta musiche amene, parla di tutto e niente e poi ride, ride, ride… Cosi mi allontano ed entro in un giardino illuminato dalla luna che sovrasta l’estate. Sento una melodia, lontana. E’ il suono di una fisarmonica: accordi staccati, pieni di vuoti, che vanno ad incastonarsi con esattezza nell’aria immobile. Poi arriva la voce: struggente, intrisa di meravigliosa malinconia, perduta nel tempo e nella distanza. Rapisce i miei sensi. E’ quello che sto cercando. Socchiudo gli occhi e mi avvicino. La melodia si fa sempre più chiara e struggente. Riesco finalmente a distinguere le parole che compongono il canto. ” E nei miei occhi non c’è un rimpianto, guardo le stelle passarmi accanto, un fiume rompe i suoi argini quando un uomo va in cerca di sé. E cerca un’emozione, la più grande che c’è, cerca chi ha fatto un sogno diverso da sé, chi ha fatto dolci promesse alla sua gioventù, se parte davvero non ritorna mai più, dopo un viaggio ala centro di un cuore blu”. La canta un vecchio, faccia rugosa e due spessi occhiali dalle lenti offuscate. Con un piede accarezza un grosso gatto nero che se ne sta disteso a terra, sdraiato sul dorso. < Ti piace questa canzone ?> mi chiede a bruciapelo < è molto bella… davvero… anche molto malinconica…> < hai ragione, amico mio, parla della vita che ci sfugge, e del viaggio che ogni uomo deve compiere per viverla davvero istante per istante. Sei fortunato a poterla ascoltare, perché nessuno ormai la vuole più cantare di questi tempi! Oggi la malinconia è rivoluzionaria! > < Come posso fare a riascoltarla ?> < è molto semplice… la troverai sempre là, dove ti porta la fantasia…> Tornato nel mio eremo sull’infinito, in attesa dell’alba in compagnia del mio fidato amico di peluche Bussi il lupetto, penso che la mia anima è come una misteriosa orchestra a cui ho appena aggiunto una nuova sinfonia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *